We are Fooddhism

An innovative collective of like-minded folks making useful and
enduring food products

Food Design

Food Design è la progettazione degli atti alimentari (Food Facts), ovvero l’attività di elaborazione dei processi più efficaci per rendere corretta e gradevole l'azione di esperire una sostanza commestibile in un dato contesto, ambiente o circostanze di consumo. Il Food Design si occupa di prodotti edibili, comunicazione, packaging, servizi e luoghi legati alla vendita e al consumo di cibo.

Product Design

Si tratta dell'uso strategico sia di arti applicate che di scienze applicate al fine di migliorare estetica, ergonomia, funzionalità e usabilità di un prodotto, e si può occupare anche del miglioramento della commerciabilità o persino della produzione. Il ruolo è di sviluppare e concretizzare soluzioni per problemi di forma, utilizzabilità, ergonomia fisica, marketing, sviluppo del brand e vendite.

Photography

Ha come scopo la produzione di immagini attraenti di cibo da utilizzare in comunicazione, sui packaging di alimenti, su riviste o libri di cucina e sui menù. La fotografia di food professionale è il risultato della cooperazione di più professionisti: un fotografo specializzato in food, un food stylist, un prop stylist o art buyer, e i loro assistenti. Nel caso di campagne pubblicitarie, l'art director è spesso coinvolto direttamente nell'ideazione delle foto.

Il cibo è narrazione

Food Design

La produzione gastronomica e dunque il cibo, rappresenta la forma più aperta e tangibile delle culture di un territorio e quindi di un popolo: ciò che mettiamo a tavola è un vero e proprio linguaggio allo stesso tempo particolare ed universale — ma non solo.

Ogni luogo, ogni singola regione o città è caratterizzata da ciò che produce, dai suoi sapori e dai suoi colori. I prodotti di un territorio diventano oggi anche espressione di valori da promuovere, da esportare, in contesti nuovi; facendosi portatori di nuove opportunità che il Food Design offre attraverso la sua progettualità inclusiva ed olistica.

Il Food Design è uno strumento particolarmente efficace per la riqualificazione e la promozione di un territorio attraverso la valorizzazione della sua ricchezza gastronomica. Ma è anche inevitabile che proporre un’esperienza lontana mille miglia significhi anche riadattarla, sistemarla e renderla “appetibile” alla nuova situazione linguistica e geografica, oltreché culturale.
Bellezza, gusto, salute: tre parole chiave per il presente e il futuro. Mangiar bene in un ambiente dall’alto valore estetico: un modello alimentare che concilia non solo il benessere, ma contribuisce a salvaguardare la bellezza e il piacere di mangiare sano e in armonia col pianeta.

.

Story telling

Il cibo oggi è un manufatto molto di moda, che spesso rasenta l’ostentazione, ma che traina l’export e l’economia italiana; infatti è in crescita continua il numero di persone che cerca di vivere food experiences attraverso viaggi culinari, cercando gli street food locali, ma anche frequentando food festival e sagre.

Nella progettazione di una adeguata e coerente food experience contano molto la storia e la cultura del prodotto, la sua tracciabilità e la responsabilità sociale del produttore con la sua storia personale e della sua azienda; ma anche la capacità e la sensibilità di chi quei prodotti li cucina e li porta a tavola, di come li abbina e li presenta al cliente.
Un prodotto cucinato esprime sapori, profumi e aromi, trasmette sensazioni ed emozioni e può rappresentare un forte rimando ad esperienze passate (la madeleine di Proust).
Quando al ristorante viene servito un piatto, il cliente assapora — per quanto buono e ben presentato — non solo un prodotto alimentare ma anche un patrimonio gastronomico, culturale, una storia di cibo, ma anche la storia di chi quel prodotto l’ha coltivato, l’ha trasformato, l’ha custodito e curato.

Il cibo è narrazione e la ristorazione oggi ha un ruolo importante nella vita quotidiana delle persone. Il cliente va “studiato”, capito, appagato: non esiste più un solo tipo di cliente, ma mille tipi e l’obiettivo del ristoratore deve essere quello di venire incontro alle nuove esigenze e bisogni — materiali e immateriali — della clientela contemporanea.

Siamo sempre alla ricerca di nuovi stimoli

Di nuovi talenti, nuove idee o nuovi progetti che possano arricchire la nostra esperienza.

CONTATTACI